ALTOX.it   Guide di Alta Montagna
[ HOME ] [ GUIDE ALPINE ] [ GUIDE ALTOX ] [ PHOTO GALLERY ] [ LAVORO in QUOTA ] [ METEO ] [ AMBIN ] [ NO TAV ]  [ LINKS ] [ CONTATTI ]

- SCUOLA Guide Alpine ALTOX


-Pan eStrapiumb

 Attività
- Alpinismo
 -Sci-Alpinismo
- Arrampicata
- Via Ferrata
- Sci-Freeride
- Ghiaccio
- Spedizioni
- Escursionismo
- Racchette
- Canyoning
Altre Attività
- Parapendio
- Paracadutismo
- Canoa Rafting..
- Lavori speciali  forte esposizione
 Indoor
- MuriArrampicata
- Pan Strapiumb
 
  Valle di Susa
- Alpinismo
- Falesie
- Via Ferrata
- Vie Roccia Md
- Vie Roccia Cl
- Ghiaccio




 
 

 
  Bardonecchia

La conca di Bardonecchia nasconde tra le sue pieghe e valloni minori un buon numero di colate ghiacciate. Alcune evidenti a lato delle strade ed altre invece più appartate in angoli nascosti non visibili dalle carrozzabili normalmente aperte in stagione invernale. Nella conca, troviamo anche la prima vera cascata di ghiaccio scalata in Valle di Susa, “Il Bramafam“, itinerario aperto dal immancabile GianCarlo Grassi nel gennaio del 1979, cioè più di 30 anni fa !!!!. Le varie colate disseminate nella zona offrono difficoltà diverse, dalle facili e comode Bramafam e Melezet, alle più impegnative quali l’Oppone o la Cascata di Rochemolles. Purtroppo la quota non elevata e l’esposizione solare di quasi tutti gli itinerari non li rendono sempre praticabili, anzi per avere buone condizioni sono necessari periodi di freddo intenso e contemporaneamente per alcune è importante avere un buon assestamento della neve, il che si verifica abbastanza di frequente, anche se il periodo buono può durare poco a lungo. Oltre alle classiche cascate di ghiaccio abbiamo due itinerari che classifichiamo a parte in quanto appartenenti alla famiglia dei “Coluoir Fantasma”, cioè veri e propri itinerari di alta montagna.
Per finire esiste ancora un altro settore, non ancora relazionato, in quanto molto volubile, L’Orrido Del Frejus, due pareti calcaree alte una trentina di metri su cui si formano un buon numero di colate di tutte le difficoltà. Pensiamo durante l'inverno di riuscire a colmare questa lacuna.

ACCESSO : non serve dirlo, Bardonecchia è una delle cittadine di montagna più facilmente raggiungibili, da Torino con l’A32 del Frejus, oppure con la SS. 24 .

Mappa Cascate  
(click per ingrandire)

  Nome Disl.  Diff.  Espos.
 1 - Cascata del Bramafam 60 m. D+  ( 3 / II)  Nord
 2 - Cascata La Pazienza va Premiata 80 m. TD+  ( 4+ / II)  Nord
 3 - Cascata del Melezet 50 m. D+  ( 3 / II ) SudEst
 4 - Cascata del Rouas 200 m. TD  ( 4 / II ) Sud
 5 - Cascata del Oppone 80 m. TD+ ( 4+/ III ) SudEst
 6 - Cascata della Bruosse 200 m. TD-  ( 4 / III ) Est
 7 - Cascata di Rochemolles 200 m. TD  ( 4 / III ) Est
 8 - Cascata di Asteroidi 60 m. TD+ (4+ / III ) Est
 9 - Cascata Balapore . 120 m TD  ( 4 / III ) Est
10 - C. Sorpresa diCellophane 75 m. TD- ( 4 / III ) Est
11 - C. dell' Inattesa Sorpresa 100 m. TD+ (4+ / III ) Est
         
 B - C. Blave - " Simpatic Coluoir " 550 m. D+ ( 3+ / V ) NordEst
 C - T. Ban - " Coluoir Yves " 450 m. D - ( 2 / IV ) Nord
 D - T. Ban - " Coluoir Cippa " 450 m. D+  (3 / IV ) Nord
   
 1 - Cascata del Bramafam
Al pari di alcune altre cascate della valle anche il Bramafam porta una data storica, 16 gennaio del 1979, con buone probabilità la prima vera cascata di ghiaccio scalata in valle di Susa, è quasi scontato dirlo ma ovviamente porta la firma di GianCarlo Grassi, Guida Alpina locale che con passione quasi maniacale negli anni tra il 79 ed il 90, aprirà centinaia di colate ghiacciate in tutto l’ arco alpino occidentale.
La scalata qui presentata, in se stessa è molto bella, anche se pur breve e di difficoltà contenute, quello che invece delude è il deturpamento ambientale della zona circostante. Si inizia attraversando una discarica, per poi arrampicare con sullo sfondo in sequenza: ferrovia, strada e autostrada sopraelevata, ma se riesce a sopportare il tutto, i due tiri che compongono la struttura sapranno ripagare. La salita si può compiere in un unica lunghezza di corda, oppure in due comodi tiri da 30 m. circa; soste su spit. Volendo a monte del salto principale, troviamo ancora un altra balza di una trentina di metri.
Disl. : 60 m.
Diff. : D + ( 3 , II )
Esp. : nord
Q.ta : 1250 m.
Discesa : dal termine delle difficoltà si traversa a destra ( sinistra orografica) nel bosco, fino ad un canalino nevoso scendendo per esso. Oppure in corda doppia ( 1x60 o 2x30 m. )
Accesso: da Bardonecchia scendere in direzione Oulx per la SS 24, 1 km. circa nel punto in cui la valle si restringe maggiormente, girare a destra sotto un ponte ferroviario, strada del Bramafam e parcheggiare subito dopo, a lato del cancello di una discarica. Attraversare il ponte sul torrente e risalire la stradicciola fino al primo tornante, alzarsi brevemente nel bosco e appena possibile piegare a sinistra scendendo nel letto del torrente stesso, costeggiarlo fino ad entrare nella pineta, da cui in breve alla base della colata. 15 min.
  2 - Cascata La Pazienza Va Premiata
Colata molto bella quando in buone condizioni, si forma raramente in quanto l’alimentazione non è assicurata da un corso d’acqua più o meno costante, ma dalla fusione del manto nevoso sui pendii boscosi soprastanti, non presenta pericoli legati alle valanghe, se non in condizioni eccezionali. Scalata per la prima volta “solo” nel 1994 da una nota cordata valligiana, D.Cordola e D.Alpe. Ben visibile dalla strada statale che collega Oulx con Bardonecchia appena oltre la frazione di Royeres e 1 chilometro prima della classica Bramafam.
Disl. : 80 m.
Diff. : TD + ( 4+ , II )
Esp. : nord-est
Q.ta. : 1250 m.
Discesa : con due calate a corda doppia attrezzate.
Accesso: da Oulx in direzione di Bardonecchia, oltrepassato il passaggio a livello parcheggiare appena oltre la fraz. di Royeres, ritornare indietro un breve tratto fino a reperire un ponticello che attraversa la Dora, percorrerlo e una volta sull’ altra sponda, risalire in direzione della cascata molto evidente 20. min.
  3 - Cascata del Melezet
Piccola struttura situata poco a monte della frazione Melezet di Bardonecchia, ben visibile dagli omonimi impianti da sci. Tecnicamente si presenta in unico salto di media difficoltà, con un breve tratto verticale. Considerata la quota e l’ esposizione non sempre si trova in buone condizioni.
Disl. : 50 m.
Diff. : D + ( 3 , II )
Esp. : sud-est
Q.ta. : 1400 m.
Discesa : 1 Corda doppia sugli alberi lungo la destra orografica
Accesso: da Bardonecchia dirigersi verso la frazione Melezet, fino al piazzale degli impianti, la cascata si trova di fronte alle piste. Risalire per prati fino alla base 20 min.
  4 - Cascata del Rouas
Gran bella cascata, di notevole dislivello e giuste proporzioni tecniche. Si forma in modo completo di rado, in quanto esposta in pieno sud e posta a quota modesta. La struttura si forma sulla parete rocciosa che domina la strada che da Bardonecchia porta in Valle Stretta, tra la fraz. Melezet ed il Pian del Colle, percorsa anche dalla via Ferrata del Rouas. Si attacca subito con una bella colonna verticale poi si fanno un paio di lunghezze più facili 75° / 80° per arrivare al tiro chiave, un stalattite leggermente staccata dalla roccia ( 10 m. 90° ) terminando con una lunghezza più appoggiata ma continua. Se non è ben formata la stalattite di sinistra è possibile uscire in centro con difficoltà leggermente inferiori.
Disl. : 200 m.
Diff. : TD - ( 4 , III )
Esp. : sud
Q.ta : 1400 m.
Discesa : dalla cima della parete entrare nel bosco, traversare verso sinistra ( ovest ) seguendo il sentiero di uscita e discesa della Via Ferrata variante Atletica.
Accesso: Da Bardonecchia dirigersi verso la Valle Stretta, oltrepassata la frazione Melezet, si nota sulla destra una vecchia casa militare adibita a magazzino. La cascata si trova a monte di questa. Risalire brevemente la pietraia fino alla base 15 min.
  5 - Cascata del Oppone
Bellissima struttura glaciale, purtroppo esposta al sole già dal mattino, offre ghiaccio difficile e delicato, da salirsi solo dopo lunghi periodi di freddo intenso. Da Bardoneccchia essa è ben visibile è situata alla base del versante sud-est della Punta Nera, a sinistra del colle del Frejus. Tecnicamente presenta un muro centrale a 85° /90° per almeno 20 metri.
Disl. : 80 m.
Diff. : TD+ ( 4+ , III )
Esp. : sud-est
Q.ta. : 2050 m.
Discesa : dalla cima raggiungere a destra la sommità di un costone, scendere per un canale nevoso che riporta alla quota di base della cascata.
Accesso: Da Bardonecchia seguire la carrozzabile del Vallone del Frejus, normalmente aperta fino al bivio con il vallone della Rho 1500 m. cc. , ma spesso percorribile fino alla fraz. Les Granges 1590 m. Continuare lungo la strada fino al ponte delle Grange Merdovine 1666 m prendere a sinistra lo stretto vallone del Rio Goutier che incide il versante sud-est della Punta Nera, oltrepassata la prima parte incassata, risalire i pendii che si aprono a destra puntando alla base della cascata che ora appare imponente. 2.15 h dal bivio.
  6 - Cascata della Bruosse
La cascata si trova in un profondo coluoir intagliato nella barriera rocciosa sulla destra orografica della Valle di Rochemolles, ben visibile salendo con la carrozzabile sempre aperta all’ omonima frazione. Di difficile formazione in quanto si origina da colate di acqua di fusione dai ripidi pendii soprastanti, è pertanto necessario un autunno già di per se piovoso congiunto a nevicate e temperature di giusta intensità. Tecnicamente essa offre una bella successione di salti ripidi 80°, uniti da brevi tratti più appoggiati. Sono indispensabili condizioni di neve sicura in quanto il canale è sempre battuto dalle valanghe durante le nevicate.

Disl. : 200 m.
Diff. : TD- ( 4 , III )
Esp. : est
Q.ta. : 2100 m.
Discesa : dalla cima salire ancora per il canale di neve e appena possibile traversare verso destra ( Nord ) fino a una capanna di legno. Da questa scendere a destra ( verso Rochemolles) con tre corde doppie su alberi da 55 m. Verso il fondo del torrente senza però raggiungerlo. Per tracce di sentiero piegare a destra ( sud) oltre un costone, da dove per facili pendii si ritorna nel vallone, riattraversare il torrente e risalire sulla strada. Nel 2003 una grossa frana ha interessato il gran canalone posto a destra delle due cascate ( Brousse e Rochemolles ) all’ apparenza sembrerebbe possibile dall’ altipiano sommitale traversare nel canalone suddetto e divallare senza fare le corde doppie, ma è da verificare.
Accesso: Da Bardonecchia seguire la carrozzabile per la Valle di Rochemolles, poco dopo la fraz. Issard 1445 m. si nota sulla sinistra del vallone( destra orografica ) incassata in un profondo intaglio la cascata della Brousse, portarsi in fronte parcheggiando in una piazzola sulla strada. Scendere tra vegetazione fitta nel torrente e risalire la spnda opposta verso la base della colata. 30 min.
  7 - Cascata di Rochemolles
La colata è fantastica, bella come si vorrebbe immaginare la cascata perfetta, in certi tratti ricorda il SuperColuoir al M.B. Du Tacul. Come per la vicina Brousse di difficile formazione in quanto si origina da colate d’ acqua di fusione dai ripidi pendii soprastanti, è pertanto necessario un periodo congiunto con nevicate e temperature di giusta intensità. Tecnicamente è superba si parte con due lunghezze in una strettissima goulotte, poi si allarga in un anfiteatro poco ripido che da accesso al muro centrale che si supera con due lunghezze continue a 85° per uscire con una lunghezza un poco più facile ma nuovamente stretta e incollata alla roccia. Negli anni passati si erano parzialmente attrezzate le soste per permettere le calate sulla cascata, ma il velocissimo degrado dei materiali ne sconsiglia l’ uso, sarà nostro impegno ( inverno 2006 ) riattrezzare la via con nuovi materiali.
Disl. : 200 m.
Diff. : TD ( 4 , III )
Esp. : est
Q.ta. : 1550 m.
Discesa : dalla cima salire ancora per pendii erbosi verso destra, fino a una capanna di legno. Da questa scendere a destra ( verso Rochemolles) con tre corde doppie su alberi da 55 m. Verso il fondo del torrente senza però raggiungerlo. Per tracce di sentiero piegare a destra ( sud) oltre un costone, da dove per facili pendii si ritorna nel vallone, riattraversare il torrente e risalire sulla strada. Nel 2003 una grossa frana ha interessato il gran canalone posto a destra delle due cascate ( Brousse e Rochemolles ) all’ apparenza sembrerebbe possibile dall’ altipiano sommitale traversare nel canalone suddetto e divallare senza fare le corde doppie, ma è da verificare.
Accesso: Da Bardonecchia seguire la carrozzabile sempre aperta per la Valle di Rochemolles, superata la fraz. Issard 1445 m. si nota sulla sinistra del vallone( destra orografica ) incassata in un profondo intaglio la cascata della Brousse, continuare ancora sulla carrozzabile e 500 m prima della frazione Rochemolles, la si nota sulla sinistra, portarsi in fronte parcheggiando in una piazzola sulla strada. Scendere tra vegetazione fitta nel torrente e risalire la sponda opposta verso la base della colata. 20 min.
8 - Cascata di Asteroidi
Questa è la prima delle tre colate che costituiscono il settore della Diga, si trovano ai lati del Lago artificiale di Rochemolles, situato diversi chilometri più a monte dell’ abitato. Sono tutte e tre belle ed interessanti tecnicamente, in particolar modo la Cascata di Asteroidi che pur essendo la più breve offre una prima lunghezza entusiasmante con un bel muro continuo di 50 mt a 85°. L’ unico neo del settore diga sta nell’ avvicinamento, lunghetto quando la strada non percorribile a partire da Rochemolles. La colata si trova a valle dei ripidi pendii che costituiscono il versante meridionale della Pierre Menue, è imperativo che tali siano molto ben assestati.
Disl. : 60 m.
Diff. : TD+ (4+ , III )
Esp. : est
Q.ta. : 2050 m.
Discesa : traversare verso sinistra ( sud ) fino ad incontrare il sentiero del Colle della Pelouse, quindi facilemente alla base.
Accesso: Da Bardonecchia seguire la carrozzabile sempre aperta fino alla frazione di Rochemolles 1619 m. Risalire per la strada estiva fino allo sbarramento artificiale del lago 1978 m., le cascate sono tutte poste sulla destra orografica della vallata, traversare la diga e dirigersi verso la prima colata. 1.40 h da Rochemolles. Al di fuori dei periodi nevosi è sovente possibile arrivare in auto alle grange Mouchecuite 1829 m.
  9 - Cascata Balapore
E’ la seconda, partendo da valle, delle tre colate che costituiscono il settore della Diga, si trovano sulla destra orografica del Lago artificiale di Rochemolles, situato diversi chilometri più a monte dell’ abitato. Sono tutte e tre belle ed interessanti tecnicamente, la cascata di Balapore è quella che maggiormente si sviluppa in altezza ed ovviamente la più vistosa, è costituita da due muri ripidi, 85° raccordati da una lunghezza più appoggiata L’ unico neo del settore diga sta nell’ avvicinamento, lunghetto quando la strada non percorribile a partire da Rochemolles. La colata si trova a valle dei ripidi pendii che costituiscono il versante meridionale della Pierre Menue, è imperativo che tali siano molto ben assestati.
Disl. : 120 m.
Diff. : TD (4 , III )
Esp. : est
Q.ta. : 2100 m.
Discesa : traversare verso sinistra ( sud ) fino ad incontrare il sentiero del Colle della Pelouse, che riporta sul pianoro del lago.
Accesso: Da Bardonecchia seguire la carrozzabile sempre aperta fino alla frazione di Rochemolles 1619 m. Risalire per la strada estiva fino allo sbarramento artificiale del lago 1978 m., le cascate sono tutte poste sulla destra orografica della vallata, traversare la diga e dirigersi verso la seconda colata. 1.45 h da Rochemolles. Al di fuori dei periodi nevosi è sovente possibile arrivare in auto alle grange Mouchecuite 1829 m.
 10 - Cascata Sorpresa di Cellophane
E’ la terza, partendo da valle, delle tre colate che costituiscono il settore della Diga, si trovano sulla destra orografica del Lago artificiale di Rochemolles, situato diversi chilometri più a monte dell’ abitato. Sono tutte e tre belle ed interessanti tecnicamente, la cascata di Sorpresa di Cellophane è costituita da 2 lunghezze, una prima ripida ed impegnativa 50 mt a 85° con brevi tratti verticali ed un altra decisamente più facile. Le tre cascate del settore, offrono una interessante combinazione per riempire completamente la giornata, anche agli scalatori più agguerriti. L’ ambiente è quello della alta montagna, con particolare attenzione ai periodi valanghivi.
Disl. : 75 m.
Diff. : TD- (4 , III )
Esp. : est
Qut. : 2150 m.
Discesa : sul lato sinistro orografico della cascata, per una specie di largo sperone gradinato di rocce ed erba, fino a riprendere il canale di accesso della colata.
Accesso: Da Bardonecchia seguire la carrozzabile sempre aperta fino alla frazione di Rochemolles 1619 m. Risalire per la strada estiva fino allo sbarramento artificiale del lago 1978 m., le cascate sono tutte poste sulla destra orografica della vallata, traversare la diga e dirigersi verso la terza colata, meno evidente perché più angolata rispetto alle prime due, che si raggiunge salendo un canale nevoso1.55 h da Rochemolles. Al di fuori dei periodi nevosi è sovente possibile arrivare in auto alle grange Mouchecuite 1829 m.
  11- Cascata dell' Inattesa Sorpresa
Bellissima colata sovente in condizioni ma invisibile da qualsiasi parte dal fondovalle. Si trova nel vallone che conduce verso la Cima della Sueur, chiamato Gorge della Comba, in prossimità dei pinnacoli giallastri visibili anche da Pian del Colle, sulle pendici della poco evidente cima delle Rocce della Seur. Sono tre entusiasmanti lunghezze di corda, di cui la mediana molto lunga 60 mt. e sostenuta. La curiosità di questa scalata è che è stata salita per la prima volta solo nel gennaio 2008, dalla cordata M. Bazzetta - M. Giuliberti su indicazione di un amico che quasi per caso l’ha notata. La cascata è sormontata da ampio canalone, pertanto potenzialmente molto pericolosa in caso di innevamento abbondante o precarie condizioni nivologiche.
Disl. : 100 m.
Diff. : TD+ (4+ , III )
Esp. : est nord/est
Qut. : 1700 m.
Discesa : in corda doppia, corde da 60 mt.
Accesso: Da Bardonecchia, località Pian del Colle, lasciare l'auto all'estremità superiore del Pian del Colle, in prossimità della vecchia dogana, laddove nel periodo invernale termina la carrozzabile..
Incamminarsi in direzione SE, costeggiando il versante boscoso. In breve si raggiunge il margine dx della pista di fondo, che si segue per alcuni metri sino a reperire un'evidente stradina sulla dx che si inoltra nel bosco. Seguire la stradina sino al suo termine, per poi proseguire sulla sponda sx idrografica del torrente, lasciando a sx due evidenti briglie idrauliche in cemento, e infine nell'alveo incassato. Al termine della strozzatura la valletta si amplia e si biforca: prendere il ramo di dx puntando al Canale della Grotta, sormontato da evidenti pinnacoli giallastri (visibili anche da Pian del Colle). Il pendio diviene ora decisamente più ripido e il primo salto della cascata appare evidente sulla dx del canale.

| Torna a Ghiaccio Valsusa |

| Cascate Sparse | Novalesa | Moncenisio | Val Clarea | BardonecchiaCesana-Val Thuras-Sestriere | Valle Argentera | Couloir Alta Montagna |
 

© 2001 AltoX.it   Tutti i diritti riservati
via San Pietro D'Ollesia, 13 - 10053 Bussoleno - TO -
tel: +39-0122/48242 - fax +39-0122/647158 -  Mobile +39-329/8638025
P.I. 07125780010