ALTOX.it   Guide di Alta Montagna
[ HOME ] [ GUIDE ALPINE ] [ GUIDE ALTOX ] [ PHOTO GALLERY ] [ LAVORO in QUOTA ] [ METEO ] [ AMBIN ] [ NO TAV ]  [ LINKS ] [ CONTATTI ]

- SCUOLA Guide Alpine ALTOX


-Pan eStrapiumb

 Attività
- Alpinismo
 -Sci-Alpinismo
- Arrampicata
- Via Ferrata
- Sci-Freeride
- Ghiaccio
- Spedizioni
- Escursionismo
- Racchette
- Canyoning
Altre Attività
- Parapendio
- Paracadutismo
- Canoa Rafting..
- Lavori speciali  forte esposizione
 Indoor
- MuriArrampicata
- Pan Strapiumb
 
  Valle di Susa
- Alpinismo
- Falesie
- Via Ferrata
- Vie Roccia Md
- Vie Roccia Cl
- Ghiaccio




 
 
Cima Fournier  m.2424 - Monte Gimont m.2645   gruppo: Cesana -Claviere
Lago Nero Punta Rascia
Cima FOURNIER m. 2424
Sommità di magri pascoli della cresta di confine fra il colle Chabaud e d il colle Bourget. Da essa si diparte verso l'Italia una dorsale con direzione NE, su cui si trovano il M. Begino, cocuzzolo erboso di facile accesso, ed il valico del Col Begino; Il Monte Corbioun, sommità ben individuata di pascolo e detrito con alcune rocce presso la vetta, che le danno un aspetto ardito da qualche lato, accessibile comodamente dal col Begino per la cresta sud contornando qualche roccia sul versante ovest, Lago Nero.

Monte GIMONT m. 2645
Montagna molto bella notevolmente isolata. Dal m. Gimont si stacca verso NNo una cresta su cui si trovano il Colletto Verde, il Colletto Guignard, il Monte La Plane, in direzione SSE si abbassa la dorsale che poco più a valle forma il Colle Gimont m. 2400 poi prosegue con andamento verso E a formare la cima Saurel m. 2451. Ora la dorsale piega in direzione NNE proseguendo con andamento quasi pianeggiante ad esclusione di piccoli rilievi che assumono i nomi di Roc Dla Luna m. 2377, C.ma Le Vert m. 2396, Serra Granet m. 2249, Colle Bercia m. 2293. Dopo il colle Bercia la cresta piega ancora verso Nord e con una ultima impennata forma la bella cima di Punta Rascia m. 2341, montagna di detriti e rocce rotte, formata da una lunga cresta. I suoi fianchi sono fasciati da magnifici boschi di conifere. Sul versante ENE una lunga serie di paravalanghe a difesa dell'abitato di Sagnalonga. Il nome significa “raschiata” ed è dovuto probabilmente alla mancanza alberi vicino alla vetta.
Le due escursioni di seguito descritte non presentano difficoltà alpinistiche di nessun genere, ma le inseriamo volentieri in quanto attraversano luoghi particolarmente belli ed interessanti, sia dal punto di vista panoramico che geologico, nonché per la ricchezza della flora e della fauna. Inoltre ci portano ad attraversare nella bella stagione i luoghi della memoria dei vecchi montanari valligiani, che prima dell'avvento dei moderni impianti e dei caroselli sciistici, passavano in questi territori, le stagioni estive in compagnia dei loro greggi.

Cima FOURNIER m. 2424
Difficoltà : Escursionistiche
Dislivello : 600 m.
Tempo : 2.30 ore salita vetta (4.30 in totale)
Luogo di partenza : Lago Nero m. 2000 circa
Attrezzatura : escursionistica

Da Cesana lungo la Val Ripa fino a Bousson, sulla destra si stacca la carrozzabile in terra battuta che conduce al Lago Nero m. 2016 ove si lascia l'auto. Su di un piccolo sbarramento a valle del lago attraversare il torrente ed imboccare la mulattiera che si inoltra in leggera salita nel bosco, nella direzione dell'evidente Col Begino m. 2300. Dal colle vale certamente la pena una breve visita al vicino Monte Corbioun m. 2430 che si sale per la cresta sud contornando qualche roccia sul versante ovest. (Lago Nero)
Ritornarti al colle Begino risalire facilmente lungo la dorsale erbosa toccando dapprima il Monte Begino m. 2413 ed in successione la Cima Fournier m. 2424, da cui la vista spazia a 360 gradi sulla alta Valle di Susa e la vicina Francia. Dalla cima abbassarsi lungo la dorsale erbosa sulla vasta depressione del Colle Chabaud m. 2215, incrociata la mulattiera, seguire quest'ultima in direzione nordovest (Francia) che con andamento praticamente pianeggiante transita nei pressi del Col Bourget e raggiunge il più ampio Col Bousson m. 2161. Da cui in leggera discesa su ottimo sentiero si tocca la Capanna Mautino m. 2110, storico rifugio, di proprietà dello Ski Club Torino, che ha visto su questi pendii la nascita dello sci in Italia. Dalla capanna, per comodo sentiero si ritorna al Lago Nero.

Monte GIMONT m. 2645
Difficoltà : Escursionistiche
Dislivello : 650 m. + 100 + 150
Tempo : 1.45 ore salita vetta 5.00 h. circa in totale
Luogo di partenza : Fraz. La Coche 1900 circa
Attrezzatura : escursionistica

Dal centro del paese di Claviere, nei pressi della chiesa, diparte a sinistra in discesa la strada, nella primissima parte asfaltata, che dopo aver attraversato il torrente Piccola Dora conduce alla fraz. La Coche m. 1900 circa ove si lascia l'auto. Si risale ora lungo la carrareccia a fondo generalmente poco agevole per le autovetture, che sale al Rifugio Capanna Gimont m. 2050. Da qui ci si inoltra, ancora lungo la carrozzabile, in direzione sud nella valletta del Gimont, poi si inizia a guadagnare quota per praterie, tracce di sentiero ed in parte per una stradina di servizio degli impianti sciistici, puntando all'evidente Colletto Verde m. 2518, raggiunto il quale si piega decisamente a sinistra, si oltrepassa la stazione di monte della seggiovia, per tracce di sentiero e qualche balza di roccette si guadagna la vetta del Monte Gimont m. 2645. Dalla cima dirigersi verso SE, all'inizio seguendo la dorsale poi abbassandosi gradualmente sul versante francese raggiungere il colle Gimont m.2400, da cui in breve al col Saurel e alla cima Saurel m. 2451, in alternativa alla salita lungo la dorsale è possibile, perdendo leggermente quota, transitare per il lago dei Sette Colori posto qualche decina di metri più a valle sul versante sud (Francia). Ora piegando decisamente verso nord percorrere, senza percorso obbligato tutta la dorsale, con vari e leggeri saliscendi, per attraversare le molteplici cime poco individuate, Roc Dla Luna, C.ma Le Verte, Serra Granet, fino al Col La Bercia m. 2253. Risalire ora la dorsale su buon sentiero e qualche roccetta fin sulla vetta della Punta Rascia m. 2341. Ritornare molto brevemente sui propri passi (versante Est, Sagnalonga) per riprendere il sentiero; che ora si trasforma in ex mulattiera militare e proseguire sempre in direzione N, scavalcando qualche piccola frana, dopo alcuni bei tornanti la mulattiera entra nel bosco di larici e si abbassa in maniera più decisa, divallare quindi fino ad incrociare la strada sterrata, raggiunta la quale svoltare a sinistra e seguirla fino alla località La Coche, punto di partenza dell'escursione. (Circa 5 ore in totale).

Per avere maggiori informazioni o se volete farvi accompagnare nell'ascensione : Scuola Italiana di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata

Scarica il file PDF ( Fournier-Gimont.pdf   452 KB )     / Click destro " Salva oggetto con nome... " /

  Breve Storia dell'alpinismo in Valle di Susa Il  Massiccio Ambin Mostra Alpinismo Storico nel Massiccio Ambin

© 2001 AltoX.it   Tutti i diritti riservati
via San Pietro D'Ollesia, 13 - 10053 Bussoleno - TO -
tel: +39-0122/48242 - fax +39-0122/647158 -  Mobile +39-329/8638025
P.I. 07125780010