ALTOX.it   Guide di Alta Montagna
[ HOME ] [ GUIDE ALPINE ] [ GUIDE ALTOX ] [ PHOTO GALLERY ] [ LAVORO in QUOTA ] [ METEO ] [ AMBIN ] [ NO TAV ]  [ LINKS ] [ CONTATTI ]

- SCUOLA Guide Alpine ALTOX


-Pan eStrapiumb

 Attività
- Alpinismo
 -Sci-Alpinismo
- Arrampicata
- Via Ferrata
- Sci-Freeride
- Ghiaccio
- Spedizioni
- Escursionismo
- Racchette
- Canyoning
Altre Attività
- Parapendio
- Paracadutismo
- Canoa Rafting..
- Lavori speciali  forte esposizione
 Indoor
- MuriArrampicata
- Pan Strapiumb
 
  Valle di Susa
- Alpinismo
- Falesie
- Via Ferrata
- Vie Roccia Md
- Vie Roccia Cl
- Ghiaccio




 
 
Monte Furgon  m.2815 - Monte Gran Roc m.3121 - Roc del Boucher m.3285   gruppo valle Thuras
Furgon-Boucher versante V.Ripa NE Furgon-Boucher versante  V. Thuras SO
MONTE FURGON m. 2815 GRAN ROC m. 3121 - ROC DEL BOUCHER m. 3285

Le tre imponenti cime si trovano sullo spartiacque Val Ripa Val Thuras e ne costituiscono la prima parte del lunga cresta che termina con la massiccia punta della Ramiere. Sia dal versante Ripa che da quello di Thuras si elevano con autorevoli pareti rocciose e/o detritiche molto ripide e a tratti anche verticali.
Il Monte Furgon la prima vetta della lunga traversata precipita sul versante ovest con una parete verticale di oltre 300 mt. ed una cresta a nord larga ed appoggiata, ma sempre rocciosa, Il monte Gran Roc, i vecchi montanari chiamano senza distinzione Gran Roc o Grande Roche, tutta la zona, mentre sulle carte troviamo indicano con il nome, la poco evidente sommità che porta la quota 3121, dalla cui vetta si dirama un potente crestone roccioso, dal profilo ardito e fianchi ripidissimi,con direzione NE, che dopo aver formato la Puntà Brusà, la Punta del Vallone ed il Monte Plaretta,si abbassa fino sul fondo della Val Ripa; verso SO della vetta scende nel vallone della Musia un breve crestone con alcuni torrioni; in direzione SE invece si abbassa rapidamente fino ad un colletto. Dal colletto citato la cresta risalire fino a formare la vetta del Roc del Boucher, montagna rocciosa e ben individuata, e di bell'aspetto soprattutto vista da NE (Sestriere), di aspetto più misero visto dalla V. Thuras, per le distese di detriti e perché dominato dalla vetta della Ciatagnera, di poco più elevata. Panorama migliore di quello delle altre vette del gruppo, perché oltre alla vista dei maggiori massicci alpini e ben visibile tutto il solco dell'alta Valle della Dora Riparia. Salito da cacciatori e cartografi che vi eressero un segnale trigonometrico. Prima salita nota 11 agosto del 1889.
 
Cresta N-NO Traversata integrale

Difficoltà : AD
Dislivello : 1700 m.
Tempo : 7 - 8 ore salita vetta
Luogo di partenza : Thures m. 1650
Attrezzatura : dotazione alpinistica completa

L' ascensione qui descritta ha senz'altro qualcosa di molto originale, in quanto sicuramente molto poco ripetuta, anzi, a dire il vero, della traversata integrale qui proposta non si hanno notizie.
La roccia, un particolare calcare scistoso, non è certo della migliore qualità, soprattutto sui più tratti facili. Il percorso si svolge per la maggior parte sulle rocce rotte del filo di cresta dove comunque troviamo molti appigli. Il paesaggio e la ripidezza della parete occidentale del M. Furgon fanno di questa salita una vera scalata d' alta montagna da affrontare solo se in possesso di buone capacità alpinistiche. Inoltre da non sottovalutare la discesa che sebbene facile richiede parecchio tempo.

Da Cesana Torinese raggiungere il paese di Bousson, quindi voltare a destra e salire in direzione dell' abitato di Thures, raggiunto il quale si ferma l'auto.
Da qui per ottimo sentiero si raggiunge il colle Chalvet m. 2315, posto all'estrema destra (SSE) della Cima del Bosco (1.30 h).
Dal colle ci si dirige verso la poco definita cresta Nord-NordOvest, che scende dal Monte Furgon, si sale alla base della roccia ; qui la cresta si allarga in un ampio versante ripidissimo e molto accidentato, si sale quindi senza percorso obbligato per una sorta di scalinata, di mobili detriti e di lastroni, accessibile in molti punti, fin sul crestone principale, da cui in breve si tocca la cima del Monte Furgon m. 2815 (2 .00 h dal colle) Da qui seguire la movimentata cresta, che ha ora un perfetto asse nord-sud, superando un tratto particolarmente difficile, raggiungere prima l' anticima m. 3050 e poi la vetta della Punta Muta m. 3071 (1.30 h dal M. Furgon). Seguire ora il filo della cresta con non difficile arrampicata, toccando la depressione 3040m. e scavalcando la piccola sommità 3060 m. salire quindi ancora per rocce rotte fino in vetta al Gran Roc m. 3121 (1.00 h dalla P. Muta).

Discesa:
Dalla cima scendere lungo la cresta NE costituita da un largo e facile dosso, per raggiungere il colletto Brusà m. 2850, ampia sella detritica fra il Gran Roc e la Punta Brusà, quindi voltare a sx per scendere in direzione nord nell' ampio vallone che corre parallelo alla itinerario fatto in salita. Discenderlo per tracce di sentiero superando alcune gobbe, in linea di massima è conveniente di vallare tenendo la sinistra del vallone ( senso di marcia), dove allo sbocco di questo incontriamo alcuni salti di roccia che si superano scendendo e traversando senza particolari difficoltà, fino a raggiungere il Rio del Vallone, traversato il quale si raggiunge una vecchia carrozzabile malandata nei pressi di un tornante a quota 1887 m. Quindi continuare a scendere lungo la strada per arrivare al Pont Terribile all' imbocco della Valle Argentiera, oppure, sempre rimanendo più o meno sulla carrareccia risalire fino al colle Chalvet m. 2315 già toccato durante la salita e da qui scendere a Thuras m. 1650 punto di partenza della traversata.

Continuando ancora la traversata :
Dalla vetta del Gran Roc m. 3121, si percorre la cresta sempre in direzione Nord-Ovest, costituita da rocce e detriti, con qualche breve gradino da superare, fino a guadagnare la cima del Roc Del Boucher m. 3285.

Discesa: lungo la via normale costituita dapprima da ripidi pendii di sfasciumi e detriti fin nei pressi del Colle del Buocher 3139 m. che non è necessario toccare, lo si lascia alla sinistra continuando a divallare più o meno sulla massima pendenza fino a trovare i pascoli più a valle, continuando lungo il vallone fino a raggiungere il fondo della valle Thuras, si attraversa il torrente e per carrozzabile sterrata si ritorna alla frazione di Thures.


Per avere maggiori informazioni o se volete farvi accompagnare nell'ascensione : Scuola Italiana di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata

 
Scarica il file PDF ( FurgonGranRocBoucher.pdf   508 KB )     / Click destro " Salva oggetto con nome... " /

  Breve Storia dell'alpinismo in Valle di Susa Il  Massiccio Ambin Mostra Alpinismo Storico nel Massiccio Ambin

© 2001 AltoX.it   Tutti i diritti riservati
via San Pietro D'Ollesia, 13 - 10053 Bussoleno - TO -
tel: +39-0122/48242 - fax +39-0122/647158 -  Mobile +39-329/8638025
P.I. 07125780010