ALTOX.it   Guide di Alta Montagna
[ HOME ] [ GUIDE ALPINE ] [ GUIDE ALTOX ] [ PHOTO GALLERY ] [ LAVORO in QUOTA ] [ METEO ] [ AMBIN ] [ NO TAV ]  [ LINKS ] [ CONTATTI ]

- SCUOLA Guide Alpine ALTOX


 Attività
- Alpinismo
 -Sci-Alpinismo
- Arrampicata
- Via Ferrata
- Sci-Freeride
- Ghiaccio
- Spedizioni
- Escursionismo
- Racchette
- Canyoning
Altre Attività
- Parapendio
- Paracadutismo
- Canoa Rafting..
- Lavori speciali  forte esposizione
 Indoor
- MuriArrampicata
- Pan Strapiumb
 
  Valle di Susa
- Alpinismo
- Falesie
- Via Ferrata
- Vie Roccia Md
- Vie Roccia Cl
- Ghiaccio


 

 

 


 Parete dei Militi :  De Albertis + Sperone Rivero

Imponente e grandiosa parete verticale di roccia calcarea, alta fino ai 350 m. incombente a brevissima distanza dalla carrozzabile della Valle Stretta. Il nome, dato dai primi salitori tre origine da un posto della Milizia Confinaria che negli anni 30 si trovava alla sua base. Nelle pubblicazioni francesi è chiamata Paroi des Militaires.
Frequentata da svariate generazioni di alpinisti, quale palestra di roccia, data la sua grande comodità di accesso, ma la sua salita è consigliabile solo da giugno a settembre per lo sfavorevole orientamento NE e per il pericolo di caduta di pietre e valanghe durante il disgelo. La roccia è buona solo nelle zone scure, nerastre e grigie, pessima nelle macchie rossastre. Per la sua altezza e per la difficoltà di tutte le sue vie, può essere considerata una vera ascensione, anche se la scalata termina su di un pendio boscoso.
La prima ascensione della parete data 1936 ad opera della cordata E. Adami, A. Calosso, S. Ceresa, L. Dubosc, hanno inoltre legato i loro nomi a questa parete i migliori alpinisti piemontesi degli anni 40-50: Gervasutti, Rivero, De Albertis, Rabbi, Fornelli, Mai ecc. E soprattutto Guido Rossa con la realizzazione degli itinerari più belli. Negli anni 60 Gian Piero Motti, realizzava la salita del Diedro del Terrore, negli anni 80 giovani guide, quali Marco Bernardi, Renato Francou, Renato Pirona riescono a superare il diedro in libera e a tracciare itinerari con passaggi estremi. Per la continuità delle difficoltà, l’ esposizione, e la delicatezza della roccia è probabile che questa parete continuerà ad affascinare le nuove generazioni di arrampicatori.

- Via De Albertis + Rivero
Nando Borio, Mario De Albertis 1951 + Giuseppe Gagliardone, Michele Rivero 1943
TD+ 350 metri 6A max / 5 oblig. 15 L.

L’ itinerario rappresenta una delle più interessanti scalate sulla parete, sia per logicità, che per difficoltà e continua della via, nonché per la notevole lunghezza. La prima parte, “De Albertis”, consta di una arrampicata assai bella e sostenuta, con passaggi di rara eleganza su roccia nel complesso salda e compatta, la via percorre il profondo camino di sinistra dei due che incidono il marcato sperone a sinistra della immensa spaccatura che divide la parete in tutta la sua altezza, terminando al cengione che taglia orizzontalmente la parete. Lo “Sperone Rivero” ne rappresenta la naturale prosecuzione, salendo dapprima in piena parete per poi uscire lungo l’evidente spigolo, in questa zona la roccia perde qualcosa in qualità ma rimane comunque buona nel complesso. L’itinerario è stato rimaneggiato diverse volte nel corso del tempo con l’aggiunta di spit-fix che ne facilitano la protezione, fino a che nel 2013 le Guide Alpine di Bardonecchia procedono ad una richiodatura sistematica, per finire nel 2014 con una nuova variante, che dalla sosta dell’ottavo tiro, raggiunge direttamente quella del decimo, evitando la zona di roccia meno compatta. Ben ché non strettamente indispensabile, è comunque sempre consigliabile, avere con se qualche protezione veloce, nut e friend.

Discesa :
Dopo la prima parte raggiunto il cengione, è possibile calarsi su doppie attrezzate, lungo l’itinerario di salita.
Dalla sommità invece, uscire nel bosco di pini ed innalzarsi gradualmente traversando sopra il limite della parete in direzione nord, da cui due possibilità. La prima più semplice ma più lunga continuare a salire traversando nel bosco fino a raggiungere un largo sentiero che imboccatolo ci conduce ai rifugi di valle Stretta, un paio di chilometri a nord della parete. La seconda: salire nel bosco il minimo indispensabile per costeggiare il bordo superiore della parete e percorrerlo in direzione nord fino al termine, oltrepassare un primo canalone giungendo su uno spallone, quindi risalire brevemente, per poi attraversare una seconda profonda spaccatura, quindi scendere verso valle su terreno ripido e boscoso avendo cura di aggirare alcuni salti rocciosi, (se non si trova il passaggio giusto è possibile dover ricorrere a doppie sugli alberi) giunti quasi al fondo ci si ritrova su di un salto molto più alto da cui è possibile scendere con una calata che porta sui ghiaioni da cui facilmente alla base, in alternativa costeggiare l’orlo di questa parete, quindi risalire fino a contornarla, poi divallare per tracce di sentiero ripido fin sulla carrozzabile della Valle Stretta poco a monte della Parete dei Militi.
Questa discesa è molto rapida se si indovinano subito i passaggi, altrimenti diventa laboriosa, ci sono anche se poco evidenti una serie di bolli rossi.

  • Cartina Itinerario
  • Foto Parete con itinerario
     

 (Clicca sull' immagine per ingrandire)

 

 

 

 

 

 



Nel 1943, in periodo bellico, Michele Rivero, sale alla cengia mediana della "MILITI" utilizzando l'attacco delle Vie Gervasutti di sinistra e di destra. Con un facile ma lungo traverso, raggiunge la base dello spigolo che caratterizza la parete nel settore centrale .
Rivero e compagni lo superano tracciando un itinerario di alta difficoltà che ancora oggi è un piccolo capolavoro di intuizione e di logica
Gli ultimi anni di guerra spazzano vite, volontà ed entusiasmi.
Bisogna aspettare gli anni '50 con la loro forza dirompente di rinascita, per vedere all'opera le nuove generazioni di arrampicatori sulla grande Parete dei Militi.
Nel 1951 Mario de Albertis attacca la parete in corrispondenza dello spigolo superato 8 anni prima da Rivero tracciando una via con due lunghezze poco chiodabili di alta difficoltà.
Nasce una combinazione che diventa classica e molto ripetuta fino agli inizi degli anni '80, cui purtroppo fanno seguito l'oblio e l'abbandono.
Se ancora a metà anni 90 la presenza di spit può infastidire alcuni scalatori , oggi la situazione è completamente ribaltata.
Ci auguriamo che la richiodatura possa ricollegare il presente alla storia e riportare gli arrampicatori su quei terreni dimenticati.

Accesso:
Da Bardonecchia, comodamente raggiungibile tramite A32 del Frejus, dirigersi verso il Colle della Scala, oltrepassare Pian del Colle (vecchio posto di frontiera) e proseguire sulla carrozzabile che ora si restringe, giunti a monte della diga, non voltare per il Colle, ma proseguire lungo la Valle Stretta, dopo alcuni tornanti diventa sterrata fino a sbucare sul Pianoro della Militi, la Parete incombe prepotente alla nostra sinistra, costeggiarla fino poco oltre la metà, ampi zone di parcheggio sotto i pini. Individuare la profonda spaccatura verticale che divide in due tutta la parete, sulla sua faccia sinistra si notano due ampi diedroni, la via De Albertis ne risale quello di sinistra, dalla strada in pochi minuti per pietraie se ne raggiunge la base.
 
Scarica il file PDF ( MilitiDeAlbertis+Rivero.pdf   152 KB )     / Click destro " Salva oggetto con nome... " /

| Torna a Vie Roccia Classiche Valsusa |

| Militi Spigolo Grigio | Militi Diedro Giallo | Militi DeAlbertis Rivero | Militi Diedro Terrore | Croz Re-Maggi  | T.Germana Spigolo Boccalatte | Rognosa D'Etiache | Furgon Pilastro |
 

© 2001 AltoX.it   Tutti i diritti riservati
via San Pietro D'Ollesia, 13 - 10053 Bussoleno - TO -
tel: +39-0122/48242 - fax +39-0122/647158 -  Mobile +39-329/8638025
P.I. 07125780010