ALTOX.it   Guide di Alta Montagna
[ HOME ] [ GUIDE ALPINE ] [ GUIDE ALTOX ] [ PHOTO GALLERY ] [ LAVORO in QUOTA ] [ METEO ] [ AMBIN ] [ NO TAV ]  [ LINKS ] [ CONTATTI ]

- SCUOLA Guide Alpine ALTOX


-Pan eStrapiumb

 Attività
- Alpinismo
 -Sci-Alpinismo
- Arrampicata
- Via Ferrata
- Sci-Freeride
- Ghiaccio
- Spedizioni
- Escursionismo
- Racchette
- Canyoning
Altre Attività
- Parapendio
- Paracadutismo
- Canoa Rafting..
- Lavori speciali  forte esposizione
 Indoor
- MuriArrampicata
- Pan Strapiumb
 
  Valle di Susa
- Alpinismo
- Falesie
- Via Ferrata
- Vie Roccia Md
- Vie Roccia Cl
- Ghiaccio




 
 

Foresto
La zona di Foresto caratterizzata da un bel calcare a tacche, è noto agli arrampicatori, da almeno una trentina di anni, da quando il sig. Cech aprì sulla parete est dell'Orrido una via di 120 metri che ben presto divenne famosa tanto la parete era strapiombante, "la Fessura Obliqua". Negli anni che seguirono molte vie sono state tracciate sulle pareti dell'Orrido, soprattutto ad opera del Mucchio Selvaggio, gruppo di giovani e forti alpinisti torinesi che, andando in controtendenza a quello che erano le abitudini alpinistiche del periodo, preferivano le pareti difficili e i problemi tecnici alle grandi vette. In seguito l'evoluzione della arrampicata sportiva ha portato una nuova ventata e si sono attrezzate un gran numero di vie su tutte le pareti, anche quelle minori, della zona. Oggi il comprensorio si presenta come uno dei più importanti centri d'arrampicata piemontesi con diverse falesie monotiro e pareti fino ai 200 m. di altezza.

SETTORE :  L' ORRIDO
La palestra, o falesia, che dir si voglia, dell’Orrido, è la parete valsusina che più di tutte le altre ha conosciuto la fama e la moda, anche internazionale, essa è stata, per almeno due volte al centro delle grandi rivoluzioni dell’arrampicata italiana e non solo.
Tutto inizia alla fine degli anni 60 quando il signor Chec, alpinista e arrampicatore torinese, di origini valsusine, apre, la via della “Fessura Obliqua“ che resterà per diversi anni, la fessura più famosa del Piemonte, tanto la parete è strapiombante. Di li a poco, ma ora mai tempi erano maturi, la parete viene presa d’assalto dal gruppo dei giovani alpinisti piemontesi del “Mucchio Selvaggio“ che si adoperano nell’aprire e nel ripetere tutta una serie di itinerari, che per i tempi risultarono di altissima difficoltà, nascono vie come i “Nani Verdi” perché queste sono le visioni dei protagonisti, durante le loro avventure sulla parete. Siamo nei primi anni 70, quando si sta delineando un nuovo modo di concepire la scalata sulle pareti di fondovalle, non più vista come puro allenamento per l’alta montagna, ma come attività fine a se stessa, dove non è più la vetta a dominare la situazione, ma l’esteticità ed il gesto arrampicatorio. Poco alla volta l’Orrido diventa, a ragione, la palestra più difficile del Piemonte, sui suoi appigli passano i più forti arrampicatori del periodo, finchè in una giornata piovosa del 1980, la parete è talmente strapiombante che non viene toccata dall’acqua, la visita di un giovane e fortissimo alpinista-arrampicatore francese, apre gli occhi e la strada di quello che sarà il secondo momento storico dell’Orrido. Quel giorno Patrick Bherault, sale praticamente in libera tutta la via dei Nani Verdi, cadendo ripetutamente sui passaggi più difficili e riprovandoli fino alla riuscita, compreso il grande tetto, situato al terzo tiro poi valutato 6C, in Italia non si era mai visto nulla di simile. Ovviamente i nostri non stanno a guardare e già il giorno dopo, si lanciano sulle orme di Patrick, ed è così che nel giro di pochissimo il fuoriclasse Marco Bernardi, senza ombra di dubbio il più forte a quei tempi, ripete il gesto, liberando anche alcune brevissime sezioni tralasciate da Bherault.
Da qui in avanti è stato tutto un susseguirsi di salite nel nuovo stile, di richiodatura con spit delle vie tradizionali, di posa di calate per evitare di salire le parti alte delle vie che in genere non offrivano difficoltà interessanti. Ed ovviamente anche all’apertura di nuovi e ancor più difficili itinerari, in particolare va segnalato l’exploit di Marco, che solo un paio di anni dopo attrezza e libera “Strenous“ ancor oggi valutata 7C+ (difficile). Passa ancora qualche anno quando, il futuro campione valsusino Valter Vighetti, chioda una via, che per l'ennesima volta nella storia dell'Orrido di Foresto, si pone al di sopra di ogni traguardo anche per gli scalatori di altissimo livello, si tratta di "Robotica" in un settore staccato dal principale. Il primo salitore sarà il torinese Marzio Nardi, già allora nell'olimpo dei più forti arrampicatori europei, e subito dopo la prima ripetizione da parte di un altro grande talento locale, Andrea Branca, il grado è 8B e siamo nel 1990 (Marzio) e 1991 (Andrea), quanti potevano essere gli itinerari di tale difficoltà in IItalia? sicuramente non molti, e nemmeno troppo ripetuti….   Ancora per diverse stagioni, fin verso la metà degli anni 90, L’Orrido rimarrà tempio e luogo di culto per i più poderosi, anche se le vicine e solari pareti delle Striature Nere nel frattempo raggiungono la maturità, attraendo una grossa fetta di arrampicatori di medio e alto livello.
Oggi la parete, agli occhi dei più giovani, non potrà essere così affascinate come lo era per le generazioni che l’hanno vissuto in prima persona, ma l’ambiente, il rumore del torrente e la sua frescura sapranno ancora regalare forti emozioni. Le vie sono in genere strapiombanti, su buone prese, anche se parecchio levigate dal passaggio. La roccia è un calcare molto antico, costituito da grandi fasce di tetti, e qualche fessura. La falesia è stata riattrezzata pochi anni or sono con ottimi fittoni resinati, grazie al contributo del CAAI; pertanto oggi la chiodatura si presenta ottima sulla quasi totalità dei primi tiri, buona parte dei secondi, ed anche su alcuni dei terzi tiri. Le restanti vie necessitano invece di esperienza nel valutare gli ancoraggi in loco. La parete pur essendo situata a bassa quota è molto incassata, riceve sole solo nelle prime ore del mattino ed inoltre è molto ventilata, per cui adatta nelle mezze stagioni e nei caldi pomeriggi estivi, quasi tutti gli itinerari sono frequentabili anche con la pioggia. Diverse vie di due tiri si possono percorrere in moulinette con una corda da 60 / 70 metri.

ACCESSO:
Dal paese di Bussoleno dirigersi verso Susa lungo la SS 25 dopo due Km. svoltare a dx. verso l’abitato di Foresto, raggiunto la piazza della Chiesa parcheggiare, ed imboccare la stradina a dx. subito dopo il ponte sul rio Rocciamelone, seguirla fino al termine dell’asfalto, proseguire lungo strada sterrata pianeggiante che porta dentro l’Orrido, 10 min. dall’auto.

  Itinerari
 
   01- Herror Horror            6B / 5+
 02- Danilo Galante          6B / 6A+ / 6A+
 03 - 22 Marzo                6C+
 04 - Asterix                   6C - A0 / 6C
 05 - Tetti Bianchi           6C / 5+
 06 - Ipertensione            7A+ ( 7C+ ) / 6B
 07 - Nani Verdi              7A / 5+ / 6C / 5+
 08 - Strenuos                7C+
 09 - Pulcinastro             7A+ / 6B
10 - SuperPippo              6A / 7A
11 - Salto del Salmone     7B
12 - Mani di Fata             6C
13 Fessura Obliqua            5+ / 5 / 5 / 5 / 5+
14 - Elefante Rosa                     6C+ / 6B+
14 bis - Elefante Rosa Var.        6C
15 - Arcobaleno Controculturale  5+ / 6C / 6A
16 - Bobetto                            6C
17 - Luce Rossa                   5+ / 6A+ / 6B
18 - Tettini Bianchi                    6A
19 - Rantolino                           5
 
 
Scarica il file PDF ( Foresto-Orrido.pdf  253 kB )     / Click destro " Salva oggetto con nome... " /

| Torna a Falesie Valsusa |

| Avigliana Cava | Chiusa Placche San Michele | Mompellato Le Placche | Mompellato Torrione | Caprie Estate-Inf. | Caprie Estate-Sup.| Caprie-Dahù | Caprie-Anticaprie | Caprie-Gran RitornoAcidoFormico | CaprieMalizie | Caprie-Pozze | Caprie-Paretine | Caprie-Haiku | Caprie-Silenzio | Caprie-MuroVetro | Caprie-OasiCastagneti | Caprie-Paradiso | Caprie-MuroMago | Caprie-Promontorio | Caprie-Scoglio | Caprie-Campambiardo | Caprie-Cevrè | Condove-Perabruna | Borgone-RoccaPenna | Borgone-Cava | Borgone-Libro | Chianocco-LosArea | Foresto-Paretine | Foresto-Striature | Foresto-Amore | Foresto-Terrazze | Foresto-Loggia | Foresto Orrido | Foresto-Isola | Foresto-NeverendingWall | Val Clarea GranRotsa | Val Clarea Greisun | Venaus-SanMartino | Novalesa-Paretone | Novalesa-Cascate | Novalesa-Toupè | Gravere-Cariboni | Gravere | Ramat | Exilles-Levi | Militi-Gare | Militi-Tao | Croz del Rifugio | Sueur | Cesana R Clarì | Cesana San Gervasio | Cesana Remolon | Cesana LagoNero |Cesana-Rhuilles | Cesana-Griserie | Claviere-Biasse |

© 2001 AltoX.it   Tutti i diritti riservati
via San Pietro D'Ollesia, 13 - 10053 Bussoleno - TO -
tel: +39-0122/48242 - fax +39-0122/647158 -  Mobile +39-329/8638025
P.I. 07125780010